SERVIZI PER UTENTI PRIVATI - CONTROLLO OCCHIALI

  • Sovente si riscontrano difficoltà indossando un nuovo occhiale, anche con diottrie invariate.
  • Differenti poteri della lente destra e sinistra formano immagini retiniche diverse che danno visione doppia o malessere generale.

    Per sapere se questa differenza è tollerata, occorre eseguire un test per l’aniseiconia.

    L’anisometropia crea problemi anche per effetti prismatici indotti da un’incauta centratura.
  • Spesso si consigliano lenti asferiche, cioè assottigliate su una superficie per ridurre lo spessore: questo induce una deformazione delle immagini spesso impercettibile, ma che crea disturbo; queste lenti vanno centrate in modo particolare e sono nate quelle biasferiche, dove la lavorazione è su entrambe le superfici, compensando l’una con l’altra.
  • Gli occhiali multifocali danno problemi di adattamento, ma limitati a pochi giorni.

    Le lenti progressive funzionano, ma richiedono: prescrizione accurata (maggiore è il potere, maggiori sono le distorsioni), scelta attenta della tipologia (ogni geometria ha differenti campi di visione) e centratura precisa (montatura e montaggio ottimali).

    I mancati adattamenti sono riconducibili a cause tecniche.

    Diffidare di chi propone prezzi troppo bassi: le lenti multifocali sono estremamente tecnologiche e personalizzabili e non possono scendere sotto certi costi, altrimenti il risultato è insoddisfacente per qualità dell’immagine e dei campi visivi.
  • Altre difficoltà con qualsiasi occhiale vengono da errori di centratura orizzontale o verticale: una verifica tecnica è in grado di evidenziare qualsiasi anomalia.









Per l’articolo completo, scaricare il PDF