SERVIZI PER UTENTI PRIVATI - LENTI A CONTATTO PER SECCHEZZA OCULARE

  • Le lacrime contengono lipidi (regolano l’evaporazione dell’acqua e proteggono dai corpi estranei), acqua (fornisce ossigeno, pulisce e riduce l’attrito palpebrale) e proteine (aumentano umettabilità e qualità della cornea e proteggono dalle infezioni).
  • Appannamenti, bruciori o arrossamenti indicano problemi qualitativi o quantitativi non giustificabili.
  • La scelta del materiale è fondamentale:

    • fumo e polvere favoriscono l’evaporazione della lacrima (meglio materiali a lunga disidratazione, come il glicerolo);
    • antistaminici, contraccettivi, decongestionanti, diuretici e tranquillanti comportano un’ipoproduzione di acqua (meglio materiali poco acquosi: lenti ad alta idratazione seccano prima);
    • i prodotti cosmetici alterano le lacrime (evitare lenti al silicone, che attirano i grassi);
    • l’errata pulizia abbatte l’ossigenazione (utilizzare prodotti mirati, non solo soluzioni uniche);
    • artrite, ipertensione, ipertiroidismo, sindromi con secchezza delle mucose (Sjogren), alcool e droghe (cannabis inclusa) riducono la lacrimazione (rinunciare alle “usa e getta”);
    • invecchiamento, uso indiscriminato, scarso ammiccamento al PC, poca acqua bevuta durante la giornata, vizio del fumo e disturbi del sonno sconsigliano ulteriormente le disposable.
  • Non esistono allergie ai materiali: le intolleranze arrivano da cattive gestioni.
  • La differenza di comfort tra lenti ad alta e bassa idratazione si annulla dopo pochi minuti.

    Attualmente esistono materiali ad idrofilia bassa, media e alta o addirittura zero (gaspermeabili, detti “semirigidi”).

    Il portatore deve seguire le indicazioni fornite: una lente a contatto si rompe solo se disidratata e manipolata incautamente.

















Per l’articolo completo, scaricare il PDF